Una Canzone dedicata a Verona

Cerea
Come è nata la canzone VERONESINA

Sergio Bissoli



Anno 1957. La signorina Sandrina Egidia Peroni (1912 2004) gestisce l’omonima osteria in Via Paride a Cerea.
Sandrina è poetessa e pittrice per hobby; è dotata di spiccato senso estetico e nelle ore libere scrive le parole per 8 canzoni: La Campanella del Mattino, che viene cantata in chiesa; e fra le altre VERONESINA, dedicata a Verona.
In quel periodo il maestro di musica Renzo Bertù apprezza il testo e decide di musicarlo. Scrive la musica, un walzer, prima di partire in tournee in Germania.
Il disco all’inizio viene inciso amatorialmente nel laboratorio del tecnico Gelmino Bissoli di Cerea. Successivamente, Sandrina con testo e spartito musicale si mette alla ricerca di una casa discografica per una produzione professionale. Dopo molte difficoltà (comuni a tutti gli aspiranti scrittori, cantanti) approda alla Casa Discografica RIALTO di Verona, gestita da due fratelli da poco tornati dall’Argentina.
La Rialto mette a disposizione sala di registrazione, orchestra Nando Moretti e il suo Complesso e la cantante Lidia Lydi. Il disco viene stampato in 500 esemplari.
Sandrina deve affrontare adesso l’altro grosso compito: la promozione e la distribuzione. Nel 1960 in via XXV Aprile apre un negozio di dischi, poi trasferito in fondo alla via.
La musica è piacevole, le parole sono poetiche e il disco ha un buon successo. Viene suonato alla sagra in Prato della Fiera a Cerea e qualche anno dopo viene venduto anche a Bologna.
Per ascoltarlo adesso, entrate in youtube, canale bissolis e cercate Veronesina Bertù Peroni.
Nelle foto:
Renzo Bertù
Sandrina Egidia Peroni

 

ID 1086, ut 234, pubblicato il 03/05/2010