DA PARIGI A ROMA PASSANDO PER PORTO: GENNAIO DI IMPEGNI PER IL COMITATO ANTINUCLEARE DI LEGNAGO E BASSO VERONESE

Legnago
- 21 gennaio incontro informativo ad Este (PD)
- 28 gennaio incontro informativo a Porto di Legnago (VR)
- 22 gennaio a Roma, incontro dei promotori della proposta di legge di iniziativa popolare per le energie rinnovabili, il risparmio energetico e contro il nucleare
- 7 febbraio assemblea generale del Comitato Antinucleare di Legnago e Basso Veronese

Comitato Antinucleare di Legnago e Basso Veronese


Gennaio sarà un mese ricco di impegni per il Comitato Antinucleare di Legnago e Basso Veronese, che ha avviato una serie di incontri presso i Circoli Noi del legnaghese ma che è stato invitato anche a Este e perfino a Roma per una convention nazionale : ‘Lo scorso novembre abbiamo svolto una serata informativa presso il Circolo Noi di Vangadizza che ha avuto una notevole partecipazione, la sera di venerdì 28 Gennaio riproporremo al Teatro Mignon grazie al Circolo Noi di Porto ‘Quello che nessuno dice sul nucleare’, annuncia Lino Pironato, presidente del Comitato nato più di un anno fa per contrastare il piano nucleare del governo che prevede un possibile sito nucleare a Torretta di Legnago e sul vicino Po.

“La partecipazione della gente alla nostra iniziativa di Vangadizza è stata numerosa e dimostra che c’è bisogno di qualcosa di diverso dall’informazione a senso unico che l’Enel, capofila dei nuclearisti, sta imponendo in Tv e sui media con bugie clamorose,” sottolinea Pironato. “ Stanno spendendo decine di milioni di euro che potrebbero essere invece utilizzati per migliorare la rete. Il nostro comitato” continua Pironato” è composto da volontari,è completamente autofinanziato e indipendente dai partiti, e nonostante i pochi mezzi da un anno a questa parte siamo l’unica voce obbiettiva nel fornire informazioni sul progetto nucleare italiano. Un progetto che riteniamo pericoloso, inutile e senza nessun vantaggio economico per la gente. L’alternativa sono le energie rinnovabili che sono già disponibili a costi minori e con ben maggiore sicurezza per tutti”.
E’ questo che il comitato cercherà di spiegare a Porto, grazie a quattro volontari che conoscono a fondo i problemi del nucleare e i vantaggi delle energie rinnovabili.

Venerdi 21 i volontari del Comitato Antinucleare saranno anche a Este, invitati dalla locale sede di Legambiente: “Ci stiamo facendo conoscere anche fuori della provincia”, sottolinea Pironato che sarà a Roma il 22 per una convention nazionale antinucleare.

Intanto un primo successo è già stato ottenuto: la bandiera che il comitato legnaghese utilizza per autofinanziarsi sarà probabilmente adottata a livello nazionale, dopo che alcuni mesi fa era addirittura approdata a una sflilata di moda a Parigi grazie allo stilista americano Geoffrey Small, sostenitore del comitato legnaghese.

 

ID 1138, ut 1, pubblicato il 13/01/2011