TONY BRASCHI: L'EREDE DEL SOUND DI JIMI HENDRIX DEFINITO IL NUOVO JOHNNY WINTER ITALIANO.

Lombardia
TONY BRASCHI: L'EREDE DEL SOUND di JIMI HENDRIX DEFINITO IL NUOVO JOHNNY WINTER ITALIANO.

ufficio stampa



"Suona la chitarra dal 1982, vive il palco dal 1988 e non lo avete ancora sentito dal vivo? Niente paura. Da Ottobre partirà la sua nuova tourneè che lo vedrà con la sua band ufficiale dei Crazy For Winter. Tony Braschi ha raccolto l'eredità musicale degli anni '70 e ne ha fatto un suo modus vivendi. Influenzato musicalmente dalle icone del Rock e del Blues, primo fra tutti Joe Cocker, ma soprattutto J.Hendrix & Johnny Winter per la chitarra, Neil Young per i testi e le melodie, e Frank Zappa per il resto, l'eclettico Tony Braschi per anni ha letteralmente divorato musica di tutti i generi, spaziando da Janis Joplin a Joni Mitchell, da Tom Waits a B.Springsteen, passando quindi dalle atmosfere più struggenti fino a quelle più armoniose.Questa costante passione nella ricerca probabilmente è sempre stato l'unico punto fermo nella sua vita turbolenta, vissuta per anni all'insegna sia degli eccessi che del rinnovamento, fino alla sua attuale redenzione".

Molti di voi lo ricordano per le sue collaborazioni con artisti italiani come Tony Esposito ed Eugenio Bennato, o al fianco di nomi internazionali come Karl Potter, Derek Wilson ed Herbie Goins, o in jam session con Roberto Ciotti e gli Hell's Cobra di Buddy Miles. Altri ricordano l'estroso artista che si aggirava per le strade di Roma con chitarra elettrica e amplificatore a tracolla (più volte è stato fermato per schiamazzi notturni); altri ancora come l'irrequieto che, durante i concerti di Joe Cocker, saliva commosso sul palco per abbracciare il suo idolo, concludendo spesso le sue serate in compagnia di agenti di pubblica sicurezza. Oggi alla soglia dei suoi trent'anni, il chitarrista e vocalist romano sembra aver trovato una propria stabilità, dovuta in gran parte al proprio vissuto On the Road.
Questa sua nuova fase di maturità e di comprovata analisi della realtà circostante, si riflettono nel suo album dal titolo "For all of you" appena ripubblicato in versione remaster: sedici inediti in inglese in pieno stile rock-blues anni '70. Ora è in studio per il suo nuovo album dal titolo "Disinformation. La notizia è stata resa nota dall'ufficio stampa dell'artista in queste ultime ore.
Il rocker-bluesman romano dichiara che questo album è basato sulla forte protesta contro tutte le forme di prevaricazioni, in particolare quelle di matrice politica. L'uscita di questo suo nuovo lavoro è prevista per i primi mesi del 2005. I musicisti che collaborano a questo progetto sono: Sergio Peschi-basso & voce, Luciano Falconi-chitarra, Giancarlo Pieragostini-batteria. Inoltre alcune Special Guest internazionali del panorama blues & soul, tra cui Herbie Goins.
Tony Braschi, non a caso, è definito già da tempo IL NUOVO JOHNNY WINTER ITALIANO.

 

ID 248, ut 58, pubblicato il 29/10/2004