IL PANE e la Madicina AYURVEDICA

Verona
Molto di più che un semplice piacere del palato
Il pane visto dalla scienza alternativa indiana dell’Ayurveda

Dott.ssa Sujata Kenjale

«Ann he purnabramha» è un detto antichissimo indiano che significa «il cibo è una forma del divino». È quindi qualcosa di sacro da non considerarsi un semplice piacere del palato, tanto meno un carburante per fare funzionare il nostro organismo, ma uno dei fattori principali capaci di darci equilibrio e benessere. È su questo che si basa l’Ayurveda.
Ayurveda è una parola sanscrita che significa «conoscenza della vita» e quindi non è solamente da considerarsi come una medicina, ma una scienza che ha le sue radici in India e veniva usata già nel 4000 A.C. Questa scienza c’insegna qual è il modo migliore di comportarsi in relazione alla nostra età, alla stagione e all’ambiente in cui viviamo, per vivere in buona salute. L'Ayurveda tratta l'aspetto fisico, mentale e spirituale della vita.
Secondo quest’antichissima medicina l’essere umano è formato dai cinque elementi che compongono la natura, fuoco, acqua, aria, etere e terra. Questi elementi sono suddivisi nei tre doshas (elementi biologici attivi), chiamati Vata (elemento aria ed etere) Pitta (elemento fuoco) e Kapha (elemento terra e acqua).
Ogni essere umano ha una diversa prakriti, (costituzione psico-fisica) composta di una differente percentuale dei tre doshas. Può verificarsi che ci sia un doshas predominante oppure che due doshas siano in equilibrio tra loro o infine - situazione ideale che si verifica molto raramente - che i tre doshas siano esattamente in equilibrio tra loro.
La prakriti si definisce nel feto materno e si modifica in relazione a diverse variabili come ad esempio la stagione del concepimento, dal cibo mangiato dalla madre e dai fattori ereditari.
In generale, più viviamo in armonia con la nostra prakriti e la natura, più equilibriamo i nostri doshas. Questi variano le loro percentuali secondo l’ora del giorno (mattina, pomeriggio e sera), la stagione, l’età. Ad esempio nell'infanzia l'elemento Kapha è prevalente. Nella mezza età Pitta predomina e nell'anzianità Vata è il maggiore.
Inoltre, i dosha variano secondo il cibo che assumiamo, perché ogni alimento ha gusti e qualità diversi che possono aumentare ridurre o equilibrare i doshas.
Per questo motivo è essenziale conoscere la propria costituzione, che è diversa per ognuno di noi e, in relazione a ciò, seguire un’alimentazione e uno stile di vita appropriato.

Un alimento utilizzato in varie forme (e chiamato con diversi nomi) mangiato in tutto il mondo è il pane.
Gli italiani sono famosi nel mondo per la pasta e la pizza, ma sono anche dei buoni consumatori di pane largamente utilizzato nella dieta mediterranea.
Il pane è fatto con il grano. Il grano ha un gusto dolce ed è il cereale più umido e pesante. Queste, infatti, sono le sue qualità e contemporaneamente i suoi svantaggi in quanto è un alimento ottimo per Vata: aiuta ad aumentare peso e a calcificare le ossa e, se viene utilizzata farina integrale, aiuta anche a pulire l’intestino.

Il pane bianco - è fresco riduce Vata e Pitta ma aumenta Kapha. Se abbinato con il lievito è dannoso perché aumenta l’Ama (scorie); è un alimento equilibrato se mangiato in combinazione con legumi secchi o formaggi.

Il pane integrale - riduce Vata e Pitta e dà equilibrio a Kapha.

Roti o chapati – tipico pane utilizzato in India composto da farina integrale acqua olio di girasoli o ghee (burro chiarificato). Si presenta come un pane di forma circolare e piatto ed è una valida alternativa per chi non può mangiare pane con il lievito, un ottimo alimento per ridurre Vata. Aggiungendo il ghee riduce Pitta e dà equilibrio a Kapha. Diventa più gustoso e digeribile aggiungendo semi di cumino nell’impasto. È ottimo se accompagnato da riso, verdure in genere e carne bianca.

Il pane di segale - La segale è un cereale caldo leggero e secco quindi è ideale per Kapha. Servito con il ghee aiuta ad equilibrare Pitta ma aumenta Vata quindi è consigliato per chi ha una costituzione (prakriti) di tipo Kapha.

Pane integrale con diversi cereali - La pesantezza e l’umidità del grano e la secchezza dei cereali è un buon compromesso che rende questo alimento ideale per tutti e tre i doshas ( Vata, Pitta, Kapha).

Pane integrale con semi di girasole – I semi di girasole sono nutrienti e ricchi di potassio e zinco, combinati con farina integrale possono essere usati con beneficio da tutte le prakriti.

Ci sono inoltre molte altre combinazioni ad esempio il pane con i semi di sesamo riscalda, quindi aumenta Pitta, il pane alla crusca d’avena è una ricca fonte di fibre, abbassa il colesterolo ed equilibra i tipi Kapha e Pitta, ma aumenta molto Vata.

Il pane sta alla base della nostra alimentazione ma deve essere assunto in combinazione con altri alimenti perché la dieta sia equilibrata.

Conoscendo la nostra costituzione e conoscendo quali sono gli alimenti che ci donano equilibrio possiamo fare in modo che mangiare non diventi un solo piacere per il palato ma una vera forma di offerta al fuoco sacro che c’è dentro di noi.





Quale pane fa per te? Scopri la tua prakriti con un veloce test
Vata
Costituzione: alti, magri, ossa sporgenti.
Occhi: piccoli, spenti, scuri, instabili.
Memoria: notano le cose velocemente e altrettanto velocemente le dimenticano.
Emozioni: paurosi, nervosi, depresse.
Sonno: dormono poco, insonnia.
Malattie: sistema nervoso (dolori, artrosi, problemi mentali).

Pitta
Costituzione: media, peso medio, buoni muscoli.
Occhi: medi, sottili, arrossati, penetranti.
Memoria: acuta, ricordano a lungo.
Emozioni: irritabili.
Sonno: sonno moderato, si svegliano ma si riaddormentano.
Malattie: febbre, infiammazioni, infezioni.

Kapha
Costituzione: bassi, tendono all'obesità.
Occhi: grandi, sporgenti, attraenti.
Memoria: capiscono lentamente, ma quando lo fanno non dimenticano più.
Emozioni: calmi e sentimentali.
Sonno: profondo, difficoltà a svegliarsi.
Malattie: problemi del tratto respiratorio (asma, bronchite), diabete.




Dott.ssa Sujata Kenjale
Sahaja Yoga Verona
www.sahajayogaverona.it
info@sahajayogaverona.it

 

ID 261, ut 61, pubblicato il 02/12/2004