Bruno Aprile: Mio figlio deve tornare a casa!

Fausto Paesani

Spett.le VRonline, come già comunicato in precedenza (v.
eventualmente nel sito http://xoomer.virgilio.it/geni_e_figli -
Componenti del comitato - Bruno Aprile) la Corte d'appello - Sezione
Minorenni - del Tribunale di Milano ha revocato in data 03 febbraio
2005 la decisione del Tribunale per i Minorenni, che aveva dichiarato
adottabile Massimo Aprile il 15 luglio 2002, che aveva interrotto ogni
suo rapporto (contro la Legge) coi suoi genitori naturali (non
separati), e che aveva fatto decadere definitivamente la loro potestà.
La Corte d'appello, oltre ad aver revocato la decisione del T.M.,
scrivendo nella sentenza che non vi fu mai stato l'abbandono del
minore da parte dei suoi genitori (come ha sempre gridato ai quattro
venti il padre di Massimo, Bruno Aprile, da oltre due anni), ha dato
ORDINE al T.M. di riprendere, SOSTENERE e portare a termine il rientro
del minore presso i suoi genitori naturali, trasmettendo al T.M. il
dispositivo di sentenza, via fax, lo stesso giorno della pronuncia
della sentenza (3 febbraio 2005). In data 28 febbraio 2005 è stata
notificata ufficialmente la sentenza al T.M. e in data 28 marzo 2005 è
stata depositata presso il T.M. un'istanza (a nostro avviso non
necessaria) degli avvocati difensori dei genitori di Massimo, in cui
si sollecita il T.M. ad eseguire quanto ORDINATO dalla Corte d'Appello
(che costituisce il secondo grado di giudizio, di pari competenza
sulla materia, poiché si è pronunciata la Sezione Minorenni). Ad oggi,
13 aprile 2005, il T.M. non ha ancora fatto nulla e la difesa dei
genitori di Massimo ha riferito a questi che il T.M. sta attendendo
dalla Corte d'Appello la consegna del fascicolo. A nostro avviso il
T.M., che aveva già dichiarato tramite il P.M. di essere d'accordo
sull'eventuale revoca dell'adottabilità, non ha alcun bisogno del
fascicolo. Ha ricevuto un ordine ben preciso che deve assolvere senza
indugio alcuno. Il Ge.Fi.S. desidera che venga diffusa la notizia e
spera che qualcuno, direttamente o indirettamente, dia qualche
risposta al popolo italiano che siamo sicuri è ignaro dello strapotere
di cui, a nostro avviso, si attribuisce arbitrariamente il Tribunale
per i Minorenni. Siamo convinti che un Tribunale, seppur speciale, è
sempre un Tribunale soggetto alle Leggi (art. 101 Cost.) e facente
parte dell'unico organo che esercita il potere giudiziario
(magistratura).

Comitato Ge.Fi.S. (Genitori di Figli Sequestrati) - tel. 3472954867 -
e-mail: ge_fi_s@hotmail.com - http://xoomer.virgilio.it/geni_e_figli

Perchè soltanto attraverso l'Informazione si combatte l'Ingiustizia!!

--
Nel caso non volessi più ricevere e-mail dal
Ge.Fi.S. - Comitato Genitori di Figli Sequestrati - Senza Scopo di Lucro
con sito WEB all'indirizzo: http://xoomer.virgilio.it/geni_e_figli -
puoi inviare la tua richiesta di cancellazione dalla lista di distribuzione
al seguente indirizzo e-mail: %FromAddr
Ricordandoti che da anni lottiamo per combattere le ingiustizie e disparità
di trattamento nei casi di Separazione ed Affido dei Minori in Italia,
ti ringraziamo per l'attenzione e comprensione verso un argomento così
delicato e, purtroppo in continuo aumento, cogliamo l'occasione per
porgere i nostri più cordiali saluti estesi anche ai Tuoi Familiari.
Ge.Fi.S.

 

ID 318, ut 67, pubblicato il 13/04/2005