ONU senza vita

La mancata riforma dell'ONU: un vertice "privo di vita". E allora riprendiamoci l'ONU: se tanti uomini di poco conto facessero cose di poco conto, il mondo cambierebbe!

Luca Salvi

"Privo di vita". Cosi' l'economista Riccardo Moro, direttore della Fondazione Giustizia e Solidarieta' della CEI ha definito il documento finale del Summit
Onu che si e' tenuto a New York. Moro si chiede "se servano eventi di questo tipo e in che stato sia il mondo, quale sia la levatura politica dei leader attuali? Puo' davvero impensierire i terroristi, ad esempio, un'immagine
cosi' poco coesa?". E' davvero sconsolante il quadro che emerge da questo vertice e dalla fallita riforma dell'ONU: ancora una volta tante belle parole ma nessun accordo e impegno preciso. Mai il mondo è stato più ricco e mai
così povero. Siamo la prima generazione che avrebbe i mezzi per sconfiggere la miseria, ma manca assolutamente la volontà politica: la fame di denaro e di potere è più grande della fame nel mondo! Da questi potenti non può venire nulla di buono. E allora noi cittadini dei paesi civili e democratici riprendiamoci l'ONU, mandiamo a casa questi politici indegni e lottiamo per costruire davvero la pace e la giustizia nel mondo. Contiamoci, siamo in
tanti, siamo la maggioranza e, anche se non contiamo niente, se tanti uomini di poco conto facessero cose di poco conto, il mondo cambierebbe!

 

ID 390, ut 57, pubblicato il 20/09/2005