REXISTENSA VENETA
Comitato par la difexa e la valorixasion de la storia, la lengoa, la cultura e la çiviltà veneta

Venezia

Rexistensa, Comitato de Re-existensa de la cultura veneta, impegnà in te la difexa e la valorixasion de la storia, la lengoa, la cultura e la çiviltà veneta, aderise a la manifestasion organixà dal jornale Raixe Venete par promovare el riconosimento rejonale e nasionale de la Lengoa Veneta a Venesia el 15 otobre 2005. El Consejo d'Europa ( www.ecml.at ) el ga dichiarà el jorno lunì 26 setenbre "Jornada de le lengoe 2005", na jornada per çelebrare la diversità lengoistica, e par inçentivare l'aprendimento de le altre lengoe europee. Par sto motivo el comisario europeo Jan Figel' (nominà in t'el 2004) el ga dichiarà de reçente "Xe indispendabile promovare la diversità lengoistica e, al tempo steso, rinforsar l'identità. La vera integrasion la pol esare solo multilengoistica". Le 225 lengoe europee ancora parlà anco le raprexenta la rica eredità lengoistica europea, seben che xe solo 41 le lengoe ufiçialmente riconosue dai diversi stati europei. La lengoa veneta in tute le so varianse rejonai (veneto çentrale, veronexe, belunexe, trentin, venesian, trevisan, bisiacco, triestin, istrian e dalmata), xe una tra coele pì parlà in europa (2,5 milioni de parlanti in te le tere originarie de Trentino, Veneto, Friuli, Istria e Dalmasia e altri 4 milioni, disendenti de Veneti migrà in te i ultimi 150 ani). Purtropo la lengoa veneta non la xe gnancora sta riconosua da nesuna istitusion piovega. Solo la provinça de Vicensa ga aprovà on dixegno de leje rejonale el 5 majo 2005, che adeso xe drio esare prexentà in Consejo Rejonale. La provinça de Trevixo la xe drio elaborare on analogo prodimento che a jorni dovaria esare aprovà. Raixe Venete, jornale mensile de atualità e politega, scrito tuto coanto in lengoa veneta, insieme a na coarantina de asociasion culturai venete, ga organixà par sabo15 otobre 2005, ale 10:00 de la matina, on corteo par le cale de Venesia par promovare el riconosimento de la lengoa Veneta a livelo istitusionale e par convinsare i deputati rejonali a aprovare la proposta de Leje che vegnarà fra poco prexentà in Consejo Rejonale. Come xa capita in Piemonte, in Friuli e in Lasio (l'ultima rejon in ordene de tenpo, co on stansiamento de 750.000 € a l'ano), xe justo che anca in Veneto se posa considerar la lengoa parlà tuti i dì, non pì on dialeto subalterno al talian ma na lengoa con pari dignità anca se manco codefegà ufiçialmente. Xe justo che na lengoa milenaria come el veneto, che fonda le so orixini sin 2.600 ani (in te l'epoca d'oro dei veneti antighi), e co on vasto repertorio de testi scriti fin dal 1.100 d.c. el posa esare studià a scola almanco par farghe capire ai putei la difarensa che core col talian, sensa manifestasion de dispreso o denigrasion, come speso xe capità speso fin deso. Donca Rexistensa , vole parteçipare a la jornada de le lengoe europee, anunciando la so adexion a la manifestasion organixà da Raixe Venete sabo 15 otobre a Venesia. El corteo el parterà da la stasion dei Treni de Venesia a le 10:00 de sabo matina, pasarà par le cale co strisoni e manifesti par ritornare dopo a la stasion indove ghe sarà alcuni interventi par spiegare el percorso fato da le altre rejon e conosare lo stato de la leje rejonale in veneto. L'invito a parteçipare xe estexo ai politeghi de tuti i partiti parché la storia, la cultura e la lengoa venete xe on patrimonio de tuti i veneti e non pole esare strumento de lota politega o de divixion e barufa. El portavoçe de Rexistensa Grasian Agujaro 348 6205554 info@rexistensa.org www.rexistensa.org -------------------------------------------------------------------------------- Rexistensa, Comitato per la Re-esistenza della cultura veneta, impegnato nella difesa e nella valorizzazione della storia, della lingua, della cultura e della civiltà veneta, aderisce alla manifestazione organizzata dal giornale Raixe Venete per il riconoscimento regionale della Lingua Veneta che si terrà Venezia sabato 15 ottobre 2005 Il COnsiglio d'Europa ( www.ecml.at ) ha dichiarato il giorno 26 settembre 2005, la Giornata delle lingue 2005, una giornata per la celebrazione della diversità linguistica e per l'incentivazione all'apprendimento delle altre lingue europee. Per questo motivo il commissario europeo Jan Figel' (nominato nel 2004) ha dichiarato di recente che "E' indispensabile promuovere le diversità linguistiche e, al tempo stesso, rinforzare l'identità. La vera integrazione può solo essere multilinguistica". Le 225 lingue europee ancora oggi parlate rappresentano la ricca eredità linguistica nonostante siano solo 41 le lingue ufficialmente riconosciute dai diversi stati europei. La lingua veneta, in tutte le sue varianze regionali (veneto centrale, veronese, bellunese, trentino, veneziano, trevigiano, bisiacco, istriano e dalmata), tra quelle non riconosciute è la più parlata in Europa (2,5 milioni di parlanti nelle terre originarie del Trentino, Veneto, Friuli, Istria e Dalmazia più altri 4 milioni discendenti di Veneti emigrati negli ultimi 150 anni). Purtroppo la lingua veneta non è ancora riconosciuta da nessuna istituzione pubblica. Solo la provincia di Vicenza ha approvato il 5 maggio 2005 una proposta di legge regionale, che sta per essere presentata in Consiglio Regionale. La provincia di Treviso sta elaborando un analogo disegno di legge che sarà approvato a giorni. Raixe Venete, giornale mensile di attualità e politica, scritto esclusivamente in lingua veneta, insieme ad una quarantina di associazioni culturali venete, ha organizzato per sabato 15 ottobre 2004, alle ore 10:00 della mattina, un corteo per le calli di Venezia allo scopo di promuovere il riconoscimento della lingua veneta a livello istituzionale e per convincere i deputati regionali ad approvare la proposta di legge che tra poco verrà prensentata in Consiglio Regionale. COme già capita in Piemonte, Fruili e Lazio (ultima regione in ordine di tempo, con uno stanziamento annuo di 750.000 euro), è giusto che anche in Veneto si possa considerare la lingua parlata tutti i giorni, non più un dialetto subalterno all'italiano ma una lingua di pari dignità, anche se meno codificata ufficialmente. E' giusto che una lingua millenaria come il veneto, che affonda le proprie origini sin da 2.600 anni fa(l'epoca d'oro dei Veneti antichi), e con un vasto repertorio di testi scritti fin dal 1.100 d.c., possa essere studiata nelle scuole almeno per far comprendere ai ragazzi la differenza che corre con l'italiano, senza manifestazioni di disprezzo o denigrazione, come peraltro è capitato spesso in passato. Dunque Rexistensa intende partecipare alla Giornata delle Lingue Europee annunciando la sua adesione alla manifestazione organizzata da Raixe Venete sabato 15 ottobre a Venezia. Il corteo partirà dal piazzale della stazione dei treni di Venezia alle ore 10:00 di sabato mattina, percorrerà le calli con striscioni e manifesti per ritornare più tardi alla stazione dove saranno tenuti alcuni interventi per esporre ai presenti il percorso compiuto dalle altre regioni e conoscere lo stato della legge regionale in Veneto. L'invito a partecipare è rivolto ai politici di tutti i partiti in quanto la storia, la cultura e la lingua veneta sono patrimonio di tutti i Veneti e non possono essere uno strumento di lotta politica, di divisione e di litigio. Il portavoce di Rexistensa Graziano Agugiaro 348 6205554 info@rexistensa.org www.rexistensa.org

 

ID 398, ut 1, pubblicato il 30/09/2005