"DIFENDERE, ATTUARE, AGGIORNARE
LA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA”

COORDINAMENTO PER LA DIFESA DELLA COSTITUZIONE DI PADOVA


Il Coordinamento padovano per la difesa della Costituzione esprime la più netta e totale contrarietà al disegno di legge di modifica della seconda parte della Costituzione approvato in seconda lettura ed in via definitiva dal Senato della Repubblica.

Con questa legge viene manomesso l'impianto e lo spirito della Costituzione della Repubblica nata dalla Resistenza, Costituzione che rappresenta invece un presidio fondamentale della democrazia e della libertà nel nostro Paese.

La devoluzione, e cioè il trasferimento alle regioni dell'integrale potestà legislativa in materia di sanità, organizzazione scolastica e polizia locale revoca in dubbio la garanzia dell'universalità dei diritti sociali, negando una logica di federalismo cooperativo utile al Paese e mettendo a repentaglio coesione sociale ed unità nazionale.

La concentrazione del potere nel Primo Ministro e nell'esecutivo, riducendo il ruolo del Parlamento, affievolendo quello del Capo dello Stato e mettendo in parentesi il confronto con le parti sociali, le associazioni di rappresentanza e la società civile altera i caratteri del nostro sistema democratico.

La parola dovrà ora passare alle cittadine ed ai cittadini con il referendum confermativo: il Coordinamento padovano per la difesa della Costituzione promuoverà il NO, attraverso iniziative, dibattiti, incontri che coinvolgano le cittadine ed i cittadini ai quali è ora affidato il compito di difendere la Costituzione della Repubblica ed i suoi caratteri fondamentali.

COORDINAMENTO PER LA DIFESA
DELLA COSTITUZIONE DI PADOVA
Padova, 18.11.05

 

ID 427, ut 1, pubblicato il 03/12/2005