frammenti di EUROPA

Verona
PROSPETTIVE DEL SISTEMA EUROPA

per un’integrazione consapevole

frammenti di EUROPA PROSPETTIVE DEL SISTEMA EUROPA per un’integrazione consapevole tutti gli incontri si svolgono in sala e. lucchi viale olimpia, 3 - antistadio - VERONA L’assessorato al Patrimonio ed alle Relazioni del Comune di Verona, il Comitato vero­nese di ATTAC Italia ed il Coordinamento Verona Città di Pace invitano ad una serie di incon­tri a carattere seminariale sull’E U R O P A Un percorso di 8 tappe, aperto a chiunque voglia approfondire temi pressanti, a volte ostici ma che ormai ritroviamo quotidianamente parlando di un’Europa allargata: il mercato, il lavoro, le privatizzazioni, l’immigrazione, i rapporti internazionali. Partendo da un’analisi ed esame critico delle politiche economiche su cui è basata fino ad oggi la costruzione europea, gli incontri si propongono di offrire uno sguardo sulle idee e le pratiche di integrazione possibilmente alternative ad una filosofia di pura crescita. Questo senza dimenticare aspetti locali di due tematiche particolarmente sentite quali lavoro ed im­migrazione. L’iniziativa - che prevede la partecipazione di relatori provenienti dal mondo accademi­co, del giornalismo, del sindacato ed associazioni non governative - è rivolta a coloro i quali - pur senza uno specifico retroterra - avvertano sia l’esigenza che la difficoltà di confrontarsi con tematiche di così grande attualità ed influenza anche su scelte politiche locali oltrechè na­zionali ed internazionali. Informazioni e servizi : Comune di Verona: 045·8077665 - rita_giacomelli@comune.verona.it www.italia.attac.org/spip/rubrique.php3?id_rubrique=133 verona@attac.org 24 gennaio 2006 - ore 20:45 precise L’Europa delle banche e della moneta Il patto di stabilità e crescita e le politiche monetarie LUIGI VINCI già parlamentare europeo - presidente di Alternative Europa ANDREA FUMAGALLI Economia Politica - Università di Pavia 7 febbraio - ore 20:45 precise L’Europa del commercio La libera circolazione delle merci e dei servizi ALBERTO ZORATTI responsabile politico di Roba dellʼAltro Mondo GIOVANNI BALCET Economia Internazionale - Università di Torino 21 febbraio - ore 20:45 precise L’Europa del lavoro e delle pensioni Mercato del lavoro, tutele e direttiva Bolkestein DONATA GOTTARDI Diritto del Lavoro - Università di Verona MARCO BERSANI Consiglio Nazionale ATTAC Italia 28 febbraio - ore 17:30 T A V O L A R O T O N D A Il lavoro nel Veneto a confronto con le nuove direttive europee. Partecipano: sindacati, rappresentanti del mondo del lavoro e della ricerca. 7 marzo - ore 20:45 precise Difesa europea e missioni all’estero La posizione della U.E. nei confronti dei conflitti e delle loro cause ACHILLE LUDOVISI Osservatorio per il Controllo delle Armi (Os.C.Ar.) PIERO MAESTRI giornalista - redattore di Guerre&Pace 21 marzo - ore 20:45 precise Immigrazione e asilo Le politiche europee sull’immigrazione e l’integrazione FILIPPO MIRAGLIA responsabile nazionale ARCI per l’Immigrazione NAZZARENA ZORZELLA Associazione Studi Giuridici Immigrazione - (ASGI) 28 marzo - ore 17:30 T A V O L A R O T O N D A Gli immigrati di seconda generazione e la governabilità dei processi di integrazione nella realtà locale Partecipano: operatori del settore e rappresentanti di sindacati e associazioni (a cura Ce.St.Im. Verona) 4 aprile - ore 20:45 precise Il futuro del sistema Europa Tra Costituzione e scelte economiche: confronto tra il modello sociale europeo e quello neoliberista. GIORGIO ANSELMI segr. gen. Movimento Federalista Europeo (MFE) FABRIZIO EVA Geografia Politica - Università di Venezia ALESSANDRA MECOZZI Ufficio Internazionale FIOM L’Europa anche se costruita o gestita da governi socialisti, dal trattato di Roma in poi è sempre stata una costruzione liberista dominata dalla logica del­l’economia e ormai da quella dei mercati finanziari. Di conseguenza è pilotata dalle banche centrali, dalle lobby, dalle imprese transnazionali, dai tecnocrati di Bruxelles. Ci sarà un’Europa sociale e basata su una vera cittadinanza soltanto se forze vive e potenti mo­vimenti la imporranno. Serge Latouche “La fine del sogno occidentale”

 

ID 446, ut 1, pubblicato il 13/01/2006