I VA IN MERICA

Non è difficile trovare similitudini fra le motivazioni che spingono oggi centinaia di migliaia di extracomunitari a tentare la sorte nel nostro paese e le centinaia di migliaia di veneti che dal 1875 fino al secondo dopoguerra emigrarono un po' in tutto il mondo. Non è una storia poi così lontana. Chi non ha un nonno, un bisnonno o uno zio nella propria famiglia che non abbia tentato di dare una svolta alla vita sua e a quella dei suoi cari cercando la fortuna in "'merica"?

Fame, miseria, sfruttamento, famiglie numerose traspaiono da questa poesia dialettale. Leggendola possiamo considerare quanto piccolo sia l'intervallo di tempo che ci separa da quello stato e quanto contemporanea sia la storia di milioni di persone oggi nel mondo, e a noi prossime, che vivono una situazione simile.

Fulminadi da un fraco de tempesta,
l'erba dei prè par 'na metà passia,
brusà le vigne da la malatia
che no lassa i vilani mai de pèsta;
 
ipotecado tuto quel che resta,
col formento che val 'na carestia,
ogni paese el g'à la so agonia
e le fameie un pelagroso a testa!
 
Crepà la vaca che dasea el formaio,
morta la dona a partorir 'na fiola,
protestà le cambiale dal notaio,
 
una festa, seradi a l'ostaria,
co un gran pugno batù sora la tola:
"Porca Italia" i bastiema: "andemo via!"
 
E i se conta in fra tuti. - In quanti sio?
Apena diese, che pol far strapasso;
el resto done co i putini in brasso,
el resto, veci e puteleti a drio.
 
Ma a star quà, no se magna no, par dio,
bisognarà pur farlo sto gran passo,
se l'inverno el ne capita col giasso,
pori nualtri, el ghe ne fà un desìo!
 
Drento l'Otobre, carghi de fagoti,
dopo aver dito male de tuti i siori,
dopo aver fusilà tri quatro goti;
 
co la testa sbarlota imbriagada,
i se dà du struconi in tra de lori,
e tontonando i ciapa su la strada!

 

ID 47, ut 1, pubblicato il 16/02/2002