Tre Pezzi facili - Accademia degli Tre pezzi facili - Accademia degli Artefatti

Verona
Teatro Filippini sabato 21 ottobre ore 21
Premio Ubu 2005 per il miglior testo straniero

Fondazione Aida


Arriva a Verona sabato alle ore 21.00 l’Accademia degli Artefatti con Tre pezzi facili. Premio Ubu nel 2005 per il miglior testo straniero. Il lavoro di Martin Crimp è un piccolo studio sul linguaggio, il linguaggio che racconta, quello che narra e quello che informa. La critica nazionale e internazionale ha parlato di apoteosi del vuoto, di capolavoro della pausa e del silenzio, di teatro intelligente che parla di guerra “avvolgendo lo spettatore nella follia del paradosso”.
Uno spettacolo da non perdere che parla dei non-sensi della società attuale, attraverso il riso, il grottesco e una fitta ragnatela di non-detti, di silenzi, di allusioni. Sono tre pezzi, recitati con calibrata leggerezza nelle parole, nell’atmosfera e un comico cinismo, anche per lo straniamento dei personaggi nei confronti dei ruoli che di volta in volta interpretano.
“Ci siamo avvicinati a Crimp”, sostiene il regista Fabrizio Arcuri, “perché partendo da situazioni quotidiane l’autore riesce a dipingere un quadro di desolazione spirituale. La sua scrittura è sottile, incerta, evasiva, umorale ed evocativa. I desideri e i bisogni umani covano sotto la superficie della vita quotidiana minando i programmi più riusciti e trasformando la sicurezza in panico. Con grande controllo e intelligenza teatrale Crimp offre una visione critica del declino morale e sociale che è geniale, comico e convincente”.
Nel primo pezzo (Fewer emergencies) i tre personaggi, con ripetizioni ed ellissi, raccontano con acida ironia e apparente leggerezza come le cose stiano migliorando nel mondo. Il secondo Advice to Iraqi è una breve e terrificante pièce in cui, con un taglio ironico e impassibile, vengono offerti suggerimenti per la sicurezza dei bambini come lo farebbe un professionista alle mamme viziate di un paese dell’occidente.
L’ultimo infine Face to the wall racconta di una sparatoria a sangue freddo in una scuola elementare. La discussione che ne segue è un elenco di luoghi comuni e banalità.
INFO: 0458001471

 

ID 582, ut 86, pubblicato il 18/10/2006