Mostra concorso di presepi realizzati con materiale riciclato

Verona
Natale e materiale da riciclare.

Fernando Da Re





Sembra una impossibile combinazione. Se pensiamo che in questo periodo per le strade corre il lusso, gli acquisti sono quelli più ricercati e sfrenati, i consumi senza freno e inarrestabili, i prezzi senza controllo, tutto in una euforia consumistica non certo di seconda mano.
Eppure AMIA a Verona è riuscita a mettere insieme Natale con materiale inutile e scartato, nella settima edizione della mostra concorso di presepi realizzati con materiale riciclato tanto da far dire ad un partecipante …da uncestino …. un presepe.
La innocente creatività di bambini di scuole primarie in questa mostra hanno trasformato, in vere stars, stelle comete di cartone, di latta, di plastica, di cd, di filo, di polistirolo. Personaggi diversi di sughero, vetro e stracci vivono in paesaggi di cartone colorati e rivestiti di tappi di bottiglia o di pasta, interpretando la tradizione della nascita divina. Nasce così una rassegna di moderne sculture dove l’emozione, spesso convulsa, dei giovani artisti scaturisce dalla meditazione posta su un evento che, ritenutolo importante da loro stessi e dai loro insegnanti, lo rendono nuovamente tale agli osservatori che si avvicinano alle loro opere.
Tanti i temi meditati dagli artisti e riproposti all’attenzione dell’ osservatore : la guerra dove il Natale non è uguale per tutti, la propria città bella e ospitale, il quartiere in cui si vive grande e anonimo, la propria scuola, la religiosità che ovunque traspare, la povertà dove il bambino nasce in una scarpa vecchia, il traffico e i suoi simboli, la sacralità, la famiglia, ecc.
Un messaggio per molti, che tutti raccolgono nel lento procedere della visita alla mostra. Un messaggio proveniente dai piccoli forse più maturi dei grandi, non solo per preparazione artistica ma per il ragionamento che spesso ci mettono davanti.
Su un presepe di carta stava scritto:
“Il papà e la mamma leggono il giornale… ci sono parole che sanno leggere solo i papà..ci sono notizie del telegiornale che non piacciono ai bambini perché sono cose brutte..
Noi abbiamo preso il giornale lo abbiamo stropicciato, trasformato nel presepio che è una bella notizia perché è nato Gesù. (scuola d’infanzia del Pestino).
Una buona notizia e un insegnamento per tutti.
E Buon Natale…ma stavolta non permettiamo a nessuno di riciclarlo.
Fernando Da Re

 

ID 618, ut 1, pubblicato il 24/12/2006