OGM: A MONSELICE ambientalisti invadono campo soia transgenica

Padova

Una cinquantina di persone appartenenti a vari gruppi ambientalisti, tra i quali vi erano il leader dei Disobbedienti Luca Casarini e l'esponente dei Verdi Gianfranco Bettin, ha invaso nei giorni scorsi un campo di soia che e' stata definita ''transgenica'', nei pressi di Monselice (Padova), e ne ha estirpato le piante. ''La soia e' stata controllata - ha detto Casarini - ed e' risultata transgenica come il 95% della soia italiana. Questo dimostra che non siamo in regine Ogm Free come dice il ministro Alemanno e dimostra come le multinazionali abbiano, attraverso la penetrazione di mercato, ormai contaminato la soia, ma questo sta succedendo anche al mais e ad altre piante. L'associazione italiana agricoltori biologici per questo chiede la moratoria della coltivazione della soia, perche' non e' neanche piu' possibile coltivarla biologicamente''. I manifestanti portavano un grande striscione con la scritta ''bonifichiamo la terra dagli Ogm'' e cartelli che indicavano: ''attenzione, soia non commestibile''. ''Questa e' un'azione di disobbedienza - ha detto ancora Casarini - legata al vertice della FAO, perche' noi pensiamo che la sovranita' alimentare sia il vero problema''. (ANSA)

 

ID 65, ut 1, pubblicato il 20/07/2002