FENICOTTERI. STRAGE NEL SILENZIO

Rovigo
Decine di fenicotteri rosa muoiono nel Delta del Po per l'ingestione di pallini di piombo

LAC

Decine di fenicotteri rosa stanno morendo o sono morti nelle Valli del Delta
del Po, per lo piu' nella provincia di Rovigo, ma segnalazioni iniziano ad
arrivare anche da Venezia e Ferrara.
La causa accertata è l'ingestione di elevate quantità di piombo, numerosi
pallini da caccia sono stati evidenziati dalle autopsie.

I fenicotteri sono uccelli protetti, non vengono quindi colpiti
direttamente, ma sono comunque vittime del sistema di caccia tipico del
Delta del Po.

I fenicotteri vengono attirati dalla massiccia presenza di stormi di anatre,
che si nutrono proprio davanti alle postazioni nascoste di caccia (le
"botti"), dove i cacciatori distribuiscono abbondante pastura. Inevitabile
la ricaduta al suolo e sul fondo delle lagune di migliaia e migliaia di
pallini. I fenicotteri, alimentandosi in questi specchi d'acqua, ingeriscono
così anche i pallini di piombo.



I cacciatori del Delta del Po sono 1700 (dato del 2002). La Provincia di
Rovigo ammette ufficialmente 70.000 abbattimenti di anatidi nella scorsa
stagione venatoria. Moltiplicando il dato per le restanti province di
Ferrara e Ravenna si otterrebbe un totale di 210.000 anatidi abbattuti nelle
aree umide dell'intero Delta del Po in un anno. E si tratta di sottostime,
basate sugli animali uccisi segnati sui tesserini a fine giornata, dati che
non sempre (!?) sono affidabili. Considerando che per ogni anatra uccisa si
spreca spesso più di una cartuccia, quanti pallini giaceranno sul fondo
delle Valli, dopo anni e anni di caccia sconsiderata?

E non ci vanno di mezzo solo i fenicotteri. In questa zona ci sono anche
allevamenti di pesci per cui il piombo potrebbe andare molto in là nella
catena alimentare...Una bonifica radicale del fondo delle valli è
indispensabile, urgente, come urgente è denunciare la caccia e le modalità
di caccia alle anatre.

La LAC ha deciso di fare un intervento dimostrativo nella zona più colpita,
per verificare il disastro e portare aiuto dove possibile.PARTECIPANO
LAV E WWF

SABATO 8 DICEMBRE dalle 8.30 alle 10.00 nella laguna di porto caleri un
gruppo di volontari, inscenerà una bonifica simbolica con bossoli e cartucce
giganti, portando gli eventuali uccelli in fin di vita recuperati ai Centri
specializzati e ai volontari dell'associazione ASOER che lo stesso giorno
effettueranno un censimento dei fenicotteri nelle aree interessare al
fenomeno.

Nel primo pomeriggio di sabato, a Rovigo, ci sarà un banchetto "in rosa"
(colore dei flamingos, gli splendidi fenicotteri che tutta l'Europa ci
invidia) nell'ambito della Festa del cioccolato in Piazza Garibaldi per
sensibilizzare l'opinione pubblica con volantinaggio e raccolta firme per la
chiusura della caccia nel Delta e chiedere a gran voce un impegno serio e
immediato delle autorita' competenti per bonificare questo Paradiso
contaminato.

partecipate alla bonifica, portate pale e retini per dire:

PROVINCIA NOI FACCIAMO FINTA, MA TU, FA SUL SERIO!

 

ID 747, ut 1, pubblicato il 04/12/2007