INDAGINE SU COSA PENSANO GLI EUROPEI RIGUARDO GLI OGM

dr. Rossana Amari


 

Durante il periodo estivo 2001 (dal 10 maggio al 15 giugno) è stata fatta un’indagine su cosa pensano gli Europei riguardo ai cibi geneticamente modificati. Il campione è costituito da 1.000 persone di età superiore ai 15 anni per ogni stato, alcuni stati hanno fatto eccezione, ad esempio in Lussemburgo gli intervistati sono stati 600 mentre in Germania 1000 per quella occidentale e altrettanti 1000 per quella orientale.

I risultati sono stati i seguenti:

DOMANDA: in merito agli OGM sei d’accordo con le seguenti affermazioni?

Voglio avere il diritto di scegliere 94.6%

Voglio saperne di più su questi cibi prima di mangiarli 85.9%

Dovrebbero essere introdotti solo se scientificamente provato che sono innocui 85.8%

Non voglio questo tipo di cibo 70.9%

Possono avere effetti negativi sull’ambiente 59.6%

SCIENZA E I MEDIA

Gli intervistati hanno evidenziato un profondo divario tra scienza e società nel senso che il 45% degli Europei ritiene di non essere sufficientemente informato sulla scienza e tecnologia e che le informazioni che essi apprendono dai giornali e quotidiani spesso sono fornite da giornalisti che non hanno la preparazione necessaria per scrivere riguardo questi argomenti.

SCIENZIATI

Molti ritengono che gli scienziati stessi siano divisi da una parte dall’immagine e dal potere che traggono dai risultati dei loro studi e dall’altra dalla responsabilità che hanno nei confronti dell’umanità a seguito delle loro scoperte.

L’80% degli intervistati ritiene che "le autorità dovrebbero formalmente obbligare gli scienziati a rispettare degli standard etici".

Per quanto riguarda il caso "OGM" nel rispetto del cibo geneticamente modificato, il 94.6% vuole avere il diritto di scegliere.

 

SCIENZA E GIOVANI

Le idee sulla scienza non sono diverse tra le persone giovani e gli adulti, entrambi hanno le stesse convinzioni e gli Europei sostengono che:

le cause del calo d’interesse nella carriera e negli studi scientifici sono dovute alla scarsa importanza con cui si trattano gli argomenti scientifici nelle scuole (59.5%),

gli argomenti scientifici sono spesso troppo complessi (55%),

i giovani sono sempre meno interessati alle problematiche scientifiche (49.6%),

le prospettive della carriera scientifica sono sempre meno appaganti (42.2%),

le autorità dovrebbero cercare di risolvere questa situazione.

SUPPORTO ALLE RICERCHE EUROPEE

Come incoraggiare la ricerca Europea?

Con un atteggiamento di cooperazione tra i ricercatori (84.1%)

Incoraggiando la cooperazione tra la ricerca pubblica e privata (78.7%)

L’incoraggiamento alla ricerca è un atteggiamento valutato positivamente da tutti i paesi europei.

 

Biogenlab srl via C. Colombo, 112 CADELBOSCO SOPRA (RE) www.biogenlab.it

 

ID 76, ut 1, pubblicato il 20/12/2001