PER IL RISPARMIO ENERGETICO:Bovolone Attiva e scuola “G. Giorgi”: una collaborazione possibile.

Bovolone
Da inizio anno Bovolone Attiva, la società di servizi del Comune di Bovolone, ha
ottenuto la gestione del servizio di illuminazione votiva dei tre cimiteri comunali di
Bovolone e Villafontana. In questi mesi la società sta riorganizzando il servizio
puntando anche sul risparmio energetico con la sostituzione delle lampade
attualmente utilizzate (ad incandescenza) con lampade a basso consumo (in tecnologia
LED) dove il consumo di energia elettrica viene abbattuto di circa il 70% con
notevole risparmio sui costi di approvvigionamento dell’energia elettrica e
dell’inquinamento atmosferico in termini di CO2.
“Proprio in questo progetto abbiamo pensato di coinvolgere le scuole del territorio
cercando di ottenere risultati pratici ed offrire un momento formativo immediato” ci
spiega il vicepresidente di Bovolone, Paolo Gangini, che per conto della società ha
seguito il progetto.

Bovolone Attiva

“La scelta è caduta immediatamente sulla locale sezione della
scuola IPSIA G.Giorgi i cui insegnanti hanno aderito subito con entusiasmo alla
proposta”.
E’ iniziata così una collaborazione che vuole continuare nel tempo e che ha visto,
mercoledì 23 aprile scorso, il suo primo momento: i sedici ragazzi del secondo anno
della scuola si sono recati presso il cimitero di Viale del Silenzio e, dopo un breve
momento di lezione tecnica e di formazione sulla sicurezza in ambienti di lavoro,
hanno svolto, in collaborazione con i tecnici di Bovolone Attiva la sostituzione
sistematica di più di 300 lampade votive.
“Abbiamo deciso di coinvolgere i ragazzi del scondo anno – precisa uno degli
insegnati che accompagna i ragazzi – perchè il progetto in cantiere non si limita alla mera sostituzione delle lampade ed al calcolo del risparmio energetico ottenuto
tramite le misure effettuare prima e dopo il cambio, ma perchè gli stessi ragazzi il
prossimo anno, al loro terzo anno scolastico, affronteranno la problematica della
produzione di energia pulita con la progettazione di un piccolo impianto fotovoltaico
che verrà proposto ad integrazione dell’attuale fornitura elettrica tradizionale”.
Si tratta quindi di una buona collaborazione tra pubblico e privato che darà, nel
tempo, soddisfazioni e momenti formativi concreti.

 

ID 834, ut 75, pubblicato il 09/05/2008