L'artico si scioglie. Orsi bianchi in alto mare

Rischiano di annegare 9 orsi polari che nuotano a ben cento chilometri dalla costa, in Alaska. Per il WWF i cambiamenti climatici riducono drammaticamente la loro possibilita’ di sopravvivenza.


Una ricognizione aerea di scienziati governativi nel mare di Chukchi in Alaska ha scoperto, in questi giorni, almeno 9 orsi polari che nuotavano in mare aperto; uno di questi a quasi cento chilometri dalle coste, spinti fino lì alla disperata ricerca di cibo. Gli animali potrebbero avere difficoltà a tornare a riva rischiando di annegare, in particolare se dovesse arrivare il maltempo. Difficilmente potranno sopravvivere.

“Trovare così tanti orsi polari al largo è il chiaro segno che il ghiaccio su cui vivono e cacciano continua a sciogliersi. Altri orsi potrebbero trovarsi nelle medesime condizioni - ha detto Geoff York, un biologo esperto di orsi polari del WWF - Se i cambiamenti climatici continueranno a colpire l’Artico, gli orsi polari e i loro cuccioli saranno costretti a nuotare per lunghe distanze per cercare cibo e riparo”.

L’Artico sta cambiando più rapidamente e drasticamente di qualsiasi altra zona del Pianeta e il 2007 ha fatto registrare lo strato più sottile di ghiaccio artico nella storia. Le immagini satellitari mostrano che il 16 agosto il ghiaccio era assente in molte delle zone in cui sono stati avvistati gli orsi polari. Le previsioni mostrano che la perdita di ghiaccio di quest’anno potrà eguagliare o superare quella dello scorso anno. Lo scioglimento della banchisa artica, che galleggia sul mare, non porta ad un innalzamento dello stesso: la sua scomparsa tuttavia, ha effetti non meno gravi.

Quando la luce del sole colpisce il ghiaccio, fino al 70% viene riflessa , e solo il 30% viene assorbita sotto forma di calore. Dato che il ghiaccio si sta riducendo, la luce incontra l'acqua che è ben più scura e quindi solo il 6% viene riflessa mentre il 94% viene assorbita sotto forma di calore. Questo fenomeno accelera la riduzione del ghiaccio del Mare Artico e l'incremento della temperatura che colpisce diretamente la calotta glaciale groenlandese, lo scioglimento della quale innalza il livello del mare.

La scoperta dei nove orsi in mare aperto giunge quando il Servizio di Gestione Minerali degli USA sta conducendo indagini marine nei mari di Beaufort e di Chukchi alla ricerca di potenziali giacimenti di petrolio offshore. Gli esperti del WWF stanno monitorando la situazione e forniranno aggiornamenti ai media.

In maggio il Ministero degli Interni degli Stati Uniti ha inserito nella lista delle specie in via di estinzione gli orsi polari. Il Ministro degli Interni Dirk Kempthorne ha sottolineato come molti studi scientifici accusino la significativa perdita di ghiacci artici, habitat dell’orso polare, come la principale ragione per proteggere gli orsi con leggi federali. Lo Stato dell’Alaska si è invece opposto alla decisione del governo federale di proteggere la specie.

“E’ molto grave che l’Alaska si opponga alle decisioni del governo, cercando di convincerlo a modificare la lista delle specie protette – commenta Massimiliano Rocco, responsabile del Programma Traffic/Specie del WWF Italia - La questione è che gli orsi polari hanno bisogno di ghiaccio marino, il ghiaccio marino sta scomparendo e gli orsi sono in guai seri. Questo dovrebbe convincere tutti che il riscaldamento globale è una realtà. L’Artico ne è la prova più evidente”.

da http://www.wwf.it/client/ricerca.aspx

 

ID 866, ut 1, pubblicato il 30/08/2008