LE CASE DEL SOGNO

Cerea
Collettiva di Pittura a Cerea a cui ha partecipato Antonio Ravelli

Sergio Bissoli



LE CASE DEL SOGNO
del Pittore Antonio Ravelli di Bergantino

Le case. Case oblique, oscillanti, ondulate, pendenti, filiformi. Case che ricordano le distorsioni di spazio dei racconti di Lovecraft; le sue visioni multidimensionali di mondi remoti, di geometrie non euclidee, di contorsioni spazio-temporali.
Case fisiche, ma anche case della mente. Abitazioni che inquietano e stupiscono, facendoci ricordare qualcosa, senza sapere bene che cosa. Case che, nella loro semplicità, alludono a forme estranee e complesse di cui ci sfugge sempre l’ultima comprensione.
Case simboliche di mondi inconsueti e bizzarri, di universi lontani conosciuti a volte solamente nei sogni.
I gatti sui tetti nelle notti di luna, suscitano nebbiosi ricordi di strade di paese; le case diventano allora ancora più magiche, ancora più segrete, ancora più stregate.
L’Artista ha esposto a Cerea in Novembre 2008 nella Collettiva di Pittura organizzata dal Gruppo Ars et Cultura di Giancarlo Masaia.

 

ID 895, ut 234, pubblicato il 02/11/2008