GELMINI SCUOLA: In attesa della riforma per le Superiori occorre continuare con la “formazione in itinere” sulle «Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione» per i docenti della Classe A075 e A076.

Emilia
Una riforma tutta da fare per le Superiori, compreso gli insegnamenti curriculari, il numero delle ore, la riconversione dei docenti, l'abbinamento di due o più discipline... Insomma tutto bolle in pentola. In questi mesi però i docenti di Trattamento Testi e dati che appartengono alle classi di concorso A075 e A076 si aggiornano, incuranti della nuova riforma e lasciano ai politici il da farsi...

Carla Minchillo


Ad un avvenire «incerto» ed «insicuro» nella Scuola della Gelmini, i docenti di Trattamento testi e dati si sono dati appuntamento, come avviene da dieci anni ad oggi, al corso di formazione e aggiornamento. Continua così la loro formazione in «itinere» e lasciano ai politici italiani e ai «gruppi di lavoro» organizzare la riforma della Scuola italiana. E’ stato senza alcun dubbio un successo il corso di formazione e aggiornamento svoltosi al «Lenoci» in questi giorni. L’affluenza dei docenti che hanno partecipato all’evento formativo dell’Assodolab, ha confermato, ancora una volta, sia la validità dei corsi organizzati dall’Associazione Nazionale Docenti di Laboratorio sia l’attualità delle due discipline – Classe A075 e A076 – impartite negli Istituti Tecnici Commerciali e Istituti Professionali per il Commercio. L’Associazione che ha organizzato e curato l’evento formativo è un Ente accreditato dal MIUR secondo la Direttiva n. 90 del 1 dicembre 2003 ed effettua in tutta Italia, là dove viene richiesto dai docenti, corsi di formazione e aggiornamento nel campo «tecnologico» non solo per i professionisti delle due classi di concorso ma anche per gli insegnanti della scuola dell’infanzia, di primo e secondo grado.
Attiva da ben nove anni, l’Associazione ha un proprio sito all’indirizzo www.assodolab.it, ed ha la sede nazionale a Trinitapoli, nella nascente Sesta provincia. All’evento del capoluogo pugliese, hanno preso parte in qualità di relatori: Nello Mongielli, direttore responsabile di BariSera che ha effettuato un excursus sull’Informazione e la Comunicazione in generale, le notizie da inserire in prima pagina sui quotidiani cartacei e quelli on-line, nonché sugli altri mezzi di comunicazione. Il secondo intervento è stato quello del prof. Michele Perilli, docente di informatica presso l’Università agli Studi di Foggia che ha relazionato sulle “Reti Informatiche”.
Dopo un piccolo «bleak» per pausa caffè, l’incontro ha avuto seguito con l’intervento del prof. Antonio D’Antini, docente di Laboratorio di Informatica Gestionale presso l’ITCS “Silone” di San Ferdinando di Puglia, che si è soffermato sulla nuova versione del software libero OpenOffice.org, passando dal Writer, Calc, Impress, Draw e Base. Un altro argomento trattato è stato quello del prof. Agostino Del Buono, docente della classe di concorso “A075 - Trattamento testi e dati”, che sperimenta in prima linea le nuove tecnologie presso l’Istituto scolastico “Silone” ove insegna da diversi anni. L’unità didattica scelta per questo incontro dal presidente dell’Assodolab, è stata quella relativa all’utilizzo del libro elettronico nelle Scuole superiori, passando ovviamente, dalla scuola dell’Infanzia a quella elementare e media inferiore.
L’utilizzo dell’«e-Book» in questi ordini di Scuola si è rilevato fondamentale nel processo di insegnamento e apprendimento dei ragazzi di questa età. In questo caso vengono “confezionati” dei prodotti utili non solo ai docenti delle diverse discipline ma anche agli stessi discenti. Gli insegnanti che hanno partecipato all’evento hanno avuto modo di vedere e sperimentare da vicino e “praticamente” il software proposto dal docente, presidente dell’Assodolab, passando dalla elaborazione di un testo, alle immagini, ai suoni, fino ad assemblare i file per ottenere il prodotto finito «e-book». L’incontro si è concluso con la compilazione di un questionario appositamente preparato sulla valutazione del corso e su alcuni software da utilizzare nel campo tecnologico ed informatico nei prossimi corsi di formazione dei docenti ed insegnanti nella scuola riformata dalla Gelmini.
Rimangono le incertezze dei docenti delle classi di concorso A075 e A076, per il loro futuro nella Scuola disegnata dalla Gelmini che tra un paio d’anni vedrà coinvolgere anche i docenti delle Superiori.


Carla Minchillo
carla.minchillo@tiscali.it


 

ID 935, ut 277, pubblicato il 27/02/2009