Un piccolo bosco di pianura

[gruppo d'alberi]

English Traslation.
Solo Italiano

In questo sito potrai trovare la descrizione della realizzazione di un piccolo progetto di rimboschimento effettuato in un terreno privato della pianura veronese. Per il suo mantenimento e ulteriore sviluppo ho usufruito dei contributi regionali relativi al regolamento CEE 2078/92.


Mi è spesso parsa strana e desolante la campagna padana. Un deserto verde dominato dalle coltivazioni intensive e dove lo spazio naturale è completamente sacrificato alle pur legittime esigenze umane. Io credo sia possibile una convivenza più armoniosa e meno conflittuale fra uomo e natura. Il mio lavoro vuole essere un piccolo contributo nel tentativo di realizzare ciò.


Scheda descrittiva

L'idea progettuale attorno a cui mi sono mosso è stata quella di creare uno specchio d'acqua di ca 140 m2 attorno al quale allestire delle fasce vegetative diverse in relazione alla distanza dallo stagno. Ho inoltre cercato di introdurre la maggior varietà possibile di essenze arbustive (26 specie) e Arboree (32 specie) privilegiando quelle autoctone.

Mostra assieme con il grafico del bosco
Mostra solo la descrizione

Localizzazione:
nei pressi del fiume Adige, nel comune di Legnago (VR) loc. Zeresina.
Terreno:
alluvionale, pianeggiante, medio impasto a pH neutro. In precedenza il terreno era adibito a vigneto e alla coltivazione del granoturco con metodi tradizionali.
Superficie
5000 m2 su un lotto, comunque piantumato, di ca.11500 m2.
Epoca:
impianti in anni successivi a partire dal 1994.
Contributi pubblici:
a partire dal 1997 contributi della Regione Veneto relativi al Reg. CEE 2078/92 - Misura D1, Sottomisura A ("Azioni di conservazione e/o ripristino di spazi naturali e seminaturali, di elementi dell'agroecosistema e del paesaggio agrario"). Le domande vanno fatte agli Ispettorati Provinciali per l'Agricoltura. (Esistono anche altri tipi di finanziamenti anche più noti di questo. Per esempio il regolamento CEE 2080/92 prevede l'erogazione di contributi a chi compie un rimboschimento partendo da un terreno agricolo coltivato. Prevede tre tipi d'aiuto: per le spese d'impianto, per la manutenzione nei cinque anni successivi e per la perdita di redditività per i 20 anni seguenti distinguendo fra coltivatori e privati).
Tipo d'impianto
Alberi ed Arbusti preferibilmente di tipo autoctono di età compresa fra l'uno e i tre anni di vita.
Preparazione del terreno e impianto
Dopo l'estirpazione del vigneto, il terreno, che già era stato concimato l'anno precedente, è stato arato e fresato. Allo scopo di proteggere dall'erba le giovani piantine è stato steso un film di nylon nero come pacciamatura: per le siepi della larghezza di 1 m per 0,05 mm di spessore, mentre per gli alberi e per gli arbusti isolati ho usato fogli da 120 cm di lato. L'operazione successiva è stata la messa a dimora delle piantine che ho sistemato nella buca insieme ad una miscela di torba bionda, nera e sabbia. Dopo l'innaffiatura di prassi, ho chiuso il taglio praticato sul nylon con un altro piccolo pezzo (per chi fosse interessato posso dare più dettagliate informazioni sulle operazioni svolte può scrivermi).
Cura dell'impianto
I due anni successivi sono molto delicati per la sopravvivenza dell'impianto.
In particolare le maggiori cure vanno per:
* Innaffiamento durante il periodo estivo
* Taglio dell'erba
* Difesa dai parassiti. (vedi sotto)
Parassiti
Questi sono i problemi da me affrontati fino ad ora:
* Afide nero - ha messo in difficoltà sopratutto le giovani piantine di Fusaggine. Può essere combattuto efficacemente, senza usare veleni chimici, usando una soluzione di sapone di marsiglia e alcool.
* Ifantria Americana - è una pestilenza! Attacca moltissime piante: dai salici al sambuco, i mori, i noccioli, i platani, anche il biancospino, i ciliegi, i frassini, il pioppo bianco, il noce e molte altre. Non l'ho ancora visto su quercie e carpini. Le larve giovani lasciano solo il reticolo delle foglie mentre le adulte le divorano completamente causando gravi defoliazioni. La lotta biologica è facile se non fosse per la grande prolificazione dell'insetto. Ad inizio estate, quando gli attacchi sono meno pesanti, i nidi possono essere distrutti fisicamente; poi quando le larve sono ancora giovani ho trovato molto efficace il "Bacillus Thuringensis" un loro spietato nemico che si trova presso qualsiasi negozio di prodotti per l'agricoltura.
* Limaccina - attacca la quercia. Rovina la foglia succhiando la parte verde e lasciandole solo il reticolo che secca. Gli attacchi sono abbastanza gravi anche se non mi sembra che le piante ne soffrano in modo particolare. Comunque non ho ancora trovato un rimedio naturale.
Aggiornamento del Luglio 2000.
RICHIESTA DI AIUTO!!
Quest'anno l'attacco è stato piuttosto pesante. Ne porto una documentazione fotografica in una pagina dedicata. Sarei particolarmente grato a chiunque mi potesse dare suggerimenti sull'identificazione precisa dell'insetto e sopprattutto segnalarmi la possibilità di poter effettuare dei trattamenti senza l'uso di pesticidi!!!!
Fornitori:
* Azienda Regionale delle Foreste del Veneto (Mestre Tel. 041/2795411 oppure il vivaio a Montecchio Precalcino (VI) Tel.0445 864445 Fax. 0445/334420)
* CREA di Carpi (Mo) (059/651408)
* Servizio Forestale Regionale di Verona (045/8676511 o 578322)
* Istituto Professionale per l'Agricoltura San Benedetto da Norcia (PD) Tel. 049/620274.


Descrizione e quantificazione delle essenze

farnia

Arbusti

SpecieQuantità
Nocciolo43
Corniolo31
Ligustro Comune28
Biancospino26
Frangola26
Lantana25
Fusaggine22
Sanguinello21
Rosa Canina20
Spino Cervino20
Prugnolo16
Nespolo15
Rovo10
Sambuco9
Lonicera Rossa6
Uva Spina6
Maggiociondolo5
Pallon di Maggio5
Olivello Spinoso4
Crespino3
Salice da Vimini3
Salicone2
Pruno1
Bosso1
Giuggiolo1
Ribes1
Vescicaria1










TOTALE 345

Alberi

SpecieQuantità
Ontano Nero 37
Pioppo Bianco 35
Farnia 23
Acero Campestre 19
Ciliegio Selvatico 19
Carpino Bianco 18
Frassino Maggiore 15
Pioppo Nero 13
Noce 10
Pioppo Cipressino 9
Olmo Campestre 8
Frassino Ossifilo 7
Ciliegio Canino 6
Salice Bianco6
Melo Selvatico 5
Pino Marittimo 5
Tiglio Selvatico 5
Bagolaro 4
Ciliegio da frutto 4
Carpino Nero4
Salice 3
Salice Grigio 3
Tiglio Nostrale 3
Acacia Cinese 2
Ciavardello 2
Pero 2
Pero Comune2
Pioppo Ibrido2
Platano 2
Pado1
Sorbo Domestico 1
Salice Piangente1
TOTALE276

Vedi la "Localizzazione del bosco"

Vedi la "Mappa" per accedere alle Tabelle.

Vedi la "Tabella riassuntiva".

Vedi la "Deliberazione della giunta regionale del Veneto sull'applicazione del Reg. CEE N.2078/92".

Per conoscere "Chi siamo"

Ritorna alla "Home Page"

"Raggi di luce"
PanoramicaPapaveriPrato fioritoQuercia con "fauni"...Il pioppetoIl boscoIl laghetto
[foto] [foto] [foto] [foto] [foto] [foto] [foto]
(50 KB jpg) (89 KB jpg) (133 KB jpg) (135 KB jpg) (88 KB jpg) (57 KB jpg) (69 KB jpg)
Foto scattate nel 1994-95 prima o all'inizio dell'impianto Foto di Luglio 2000

Per contattarmi oppure per qualsiasi osservazione su questo lavoro: invia un messaggio a lp@vronline.it.

L'indirizzo di questa pagina é: "http://www.vronline.it/pan/corpo/bosco.asp

Ultimo aggiornamento della pagina: 29.07.2000


Per approfondire l'argomento: - Regione Veneto: Bando per la 2078/92 oppure - Regolamento CEE 2078/92
Vuoi continuare la navigazione su temi riguardanti la natura? WWF ITALIA
Vuoi conoscere la bella storia di "Luna" (un'antica Sequoia) e della sua protettrice?
Vuoi curiosare fra gli italiani in Brasile? Spazio Libero

Questa pagina è stata visitata   3222   volte. Grazie per la visita!